Luciano Floridi
Condividi questa storia!

Scarica l’app MyMagazine!

In una recente intervista rilasciata a Focus, il Prof. Luciano Floridi, filosofo e esperto di etica dell’informazione, ha offerto una panoramica sullo stato attuale e sulle prospettive future dell’Intelligenza Artificiale (AI).

In  questa intervista disponibile su YouTube [QUI], Floridi ha sottolineato le enormi potenzialità di questa tecnologia, ma ha anche messo in luce i rischi e le sfide che l’umanità dovrà affrontare per garantirne uno sviluppo etico e responsabile.

Cos’è l’Intelligenza Artificiale? Floridi ha spiegato che l’AI può essere definita come un sistema che fa cose che, se fatte da un essere umano, richiederebbero intelligenza. Tuttavia, ha sottolineato l’importanza di distinguere tra l’AI e la fantascienza, evidenziando che l’AI odierna è uno strumento che opera per obiettivi e fini designati dall’umanità, senza una propria volontà o coscienza.

La Trasparenza e i Rischi dell’AI Uno dei temi centrali dell’intervista è stata la questione della trasparenza. Floridi ha evidenziato come l’opacità dei sistemi di AI e delle aziende che li producono possa generare preoccupazioni legittime, non tanto legate a scenari apocalittici, quanto piuttosto a problemi concreti come la manipolazione dell’opinione pubblica, i bias e le disuguaglianze sociali.

Applicazioni e Benefici dell’AI Floridi ha poi illustrato numerosi esempi di applicazioni positive dell’AI, dalla scoperta scientifica all’ottimizzazione dei consumi energetici, passando per la gestione dei servizi nelle smart city. Ha sottolineato l’importanza di utilizzare l’AI non solo per creare ricchezza, ma anche per affrontare sfide cruciali come il cambiamento climatico e il miglioramento della società.

Regolamentazione e Etica dell’AI L’intervista ha toccato anche il tema della regolamentazione, con un confronto tra l’approccio europeo, basato sulla protezione dei diritti fondamentali, e quello statunitense, più orientato alla competizione e all’innovazione. Floridi ha evidenziato la necessità di un quadro etico e normativo che promuova lo sviluppo responsabile dell’AI, tenendo conto degli interessi del business, della società e dell’ambiente.

L’Impatto dell’AI sul Lavoro Infine, Floridi ha affrontato la questione dell’impatto dell’AI sul mondo del lavoro. Ha spiegato come l’automazione stia trasformando rapidamente interi settori, ma ha anche sottolineato che, contrariamente a certe previsioni pessimistiche, l’AI sta creando nuove opportunità di lavoro. La sfida, secondo Floridi, è garantire una transizione equa, fornendo sostegno e formazione a chi rischia di rimanere escluso da questo cambiamento epocale.

Riflessioni della Redazione

L’intervista al Prof. Floridi offre spunti di riflessione importanti sull’impatto dell’AI nella nostra società. È evidente che questa tecnologia sta già fornendo un contributo formidabile alla soluzione di problemi concreti in ambiti cruciali come l’ambiente, la salute e l’organizzazione. L’AI ci permette di analizzare enormi quantità di dati, identificare pattern e prendere decisioni più informate, con benefici tangibili in termini di efficienza, sostenibilità e qualità della vita.

Tuttavia, come evidenziato da Floridi, l’AI può nascondere anche un lato oscuro, soprattutto quando viene applicata a questioni che generano opinioni o che intermediano la realtà percepibile. Il rischio di manipolazione, bias e disinformazione è particolarmente elevato in contesti come le campagne politiche o la diffusione di notizie sui social media. Qui, l’opacità degli algoritmi e la mancanza di trasparenza delle piattaforme possono minare il dibattito democratico e la coesione sociale.

Per affrontare queste sfide, è fondamentale promuovere l’allineamento dell’AI con i valori e gli interessi umani.

Tuttavia, i valori sono strettamente legati al patrimonio culturale di un popolo, che include credenze, religioni e costumi, permettendo alle persone di identificarsi con una specifica comunità. Tuttavia, le divergenze in materia di fede religiosa continuano a essere causa di conflitti e tensioni sociali, dimostrando come l’umanità fatichi ancora a trovare un equilibrio tra diversità e convivenza pacifica.

L’imposizione di un modello valoriale unico, anche se non artefatto, rischierebbe di portare a un’omologazione forzata della società, appiattendo le specificità culturali e soffocando la diversità. Ancor più pericoloso sarebbe lo scenario in cui tale modello fosse un artefatto, cioè qualcosa di artificiale creato non dall’uomo ma da macchine o algoritmi, aprendo la porta a forme di manipolazione e controllo sociale.

Per evitare questi rischi, è fondamentale promuovere il dialogo interculturale e interreligioso, valorizzando le diversità pur individuando valori condivisi che possano fungere da base per una convivenza pacifica. Inoltre, è cruciale sviluppare competenze orientative[4] che aiutino le persone a definire il proprio progetto di vita in modo autonomo e consapevole, resistendo a pressioni omologanti o manipolatorie

Lo sviluppo dell’AI generativa è attualmente guidato da logiche di profitto e concentrato nelle mani di poche aziende e imprenditori, principalmente negli Stati Uniti. Questo solleva preoccupazioni riguardo alla trasparenza, all’equità e alla responsabilità con cui queste tecnologie vengono create e implementate.

Per evitare i rischi di un’AI generativa sviluppata in modo opaco e senza adeguate considerazioni etiche e sociali, è fondamentale promuovere un approccio collaborativo e multidisciplinare che coinvolga ricercatori, policy maker e cittadini di diverse nazioni e culture. Solo attraverso questa collaborazione potremo sviluppare un’AI generativa al servizio dell’umanità, che promuova l’equità, la sostenibilità e il benessere collettivo.

È auspicabile che altri paesi, con diverse culture e interessi, entrino in partita nello sviluppo dell’AI generativa, apportando prospettive e valori differenti. Questo contribuirebbe a bilanciare l’attuale predominio degli Stati Uniti e a garantire che l’evoluzione di queste tecnologie rifletta una pluralità di visioni e esigenze.

Investire in ricerca e formazione a livello globale è cruciale per sviluppare le competenze necessarie a comprendere, gestire e indirizzare l’AI generativa. Solo costruendo una conoscenza diffusa e una partecipazione attiva della società nel plasmare il suo sviluppo, potremo sfruttarne il potenziale per affrontare le grandi sfide del nostro tempo, dalla lotta al cambiamento climatico alla riduzione delle disuguaglianze, dalla cura delle malattie all’istruzione per tutti.

Il futuro dell’AI generativa è nelle nostre mani: sta a noi costruirlo in modo responsabile e collaborativo, mettendo l’uomo al centro e la tecnologia al suo servizio, e garantendo che la sua evoluzione sia guidata da una pluralità di voci e valori a livello globale.