Condividi questa storia!

Scarica l’app MyMagazine!

Roma, 31 maggio 2024 – Si è appena conclusa la Conferenza Europea sulla Sanità Digitale organizzata da HIMSS (Healthcare Information and Management Systems Society) al Centro Congressi La Nuvola di Roma. L’evento, che ha visto la partecipazione di oltre 3000 esperti del settore, ha posto l’accento sull’importanza dell’innovazione e della collaborazione per affrontare le sfide della sanità del XXI secolo.

HIMSS si conferma come un appuntamento specialistico di riferimento, che si integra con altre iniziative e progetti permanenti come Grandi Ospedali, volte a creare un dialogo costruttivo tra innovatori, decisori e direzioni strategiche. Sono infatti questi ultimi ad avere il compito cruciale di valutare il valore e l’impatto delle innovazioni, allocando le risorse umane, professionali e materiali necessarie per la loro implementazione.

Un tema importante della conferenza è stato quello del ruolo delle donne nell’elaborazione delle idee per l’innovazione applicativa. Come sottolineato da Liv Astri Hovem di DNV, “il settore sanitario ha il vantaggio di avere più donne ispiratrici rispetto ad altri settori“. Tuttavia, è importante evitare toni di parte: uomini e donne, pur con accenti e sensibilità diverse, sono ugualmente indispensabili nel processo di digitalizzazione della sanità.

Valeria D. Tozzi della SDA Bocconi ha evidenziato come “le donne siano particolarmente adatte ad affrontare i cambiamenti necessari nella sanità, grazie alla loro capacità di essere estremamente adattabili e di sviluppare rapidamente nuovi comportamenti“. Queste competenze sono fondamentali per la gestione del cambiamento, un aspetto chiave della trasformazione digitale.

Durante la sessione “Da invisibili a leader strategici“,  che ho mederato, si è discusso di come la rivoluzione digitale permetta di coinvolgere le donne fin dall’inizio nel processo di creazione e di user experience. Tuttavia, come ricordato da Monica Calamai citando Rita Levi-Montalcini, “le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto bisogno di dimostrare altro che la loro intelligenza“.

Più in generale, HIMSS ha dimostrato che l’innovazione in sanità dipende dalle qualità individuali e dalla creatività degli ambienti in cui si esprime, indipendentemente dal genere. La sfida per il futuro sarà creare spazi sociali e di forte incentivo per lo sviluppo di idee e tecniche innovative, in cui uomini e donne possano contribuire in modo paritario alla trasformazione digitale del settore sanitario.

Giorgia Zunino, inviata speciale all’HIMSS24 di @Ilmagazine