Condividi questa storia!

Scarica l’app MyMagazine!

Il futuro dell’ospedale è stato un tema centrale al recente open meeting di “Grandi Ospedali”, tenutosi a Napoli il 29 e 30 maggio.

Questo importante spazio di incontro della sanità italiana ha riunito esperti del settore sanitario, innovatori e rappresentanti di istituzioni per discutere come la sanità possa evolvere per affrontare le sfide del XXI secolo.

L’evento, che si è tenuto al Cardarelli e all’Università Federico II, ha registrato una partecipazione straordinaria: 1.800 persone in presenza e oltre 4.000 online. Nei 40 laboratori organizzati, più di 600 partecipanti hanno contribuito attivamente. Questi numeri significativi dimostrano l’importanza cruciale del progetto nell’ambito dell’innovazione condivisa della sanità italiana.

 Il dibattito ha sottolineato l’importanza di ripensare gli ospedali non solo come spazi fisici, ma anche come nodi di una rete integrata di assistenza sanitaria che comprende anche la medicina territoriale e le case di comunità.

L’Ospedale del Futuro: Un Cambiamento Epocale

Parlare di ospedale del futuro significa abbracciare un cambiamento epocale che va oltre l’infrastruttura fisica per includere una visione complessa e interconnessa della cura della salute. Ecco alcuni punti chiave:

Il Dove: Accorciare la Distanza tra Paziente e Cura

Il concetto di “Point of Care” si sta evolvendo per ridurre la distanza tra paziente e cure, portando i servizi sanitari più vicini al luogo in cui i pazienti vivono e lavorano. Questo include l’adozione di tecnologie di telemedicina e la creazione di strutture sanitarie più piccole e distribuite territorialmente.

Il Quando: Dalla Cura Episodica al Prendersi Cura Continuativo

Il paradigma sta cambiando dalla cura episodica e invasiva a un modello di “prendersi cura” che è continuativo, pervasivo e partecipato. La medicina preventiva e la gestione delle malattie croniche stanno diventando sempre più centrali, grazie anche alla capacità di monitoraggio continuo offerta dai dispositivi indossabili e dalle app sanitarie.

Il Come: Capacità Computazionale e Predittività

L’integrazione di tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale e la medicina predittiva permette di individuare precocemente i problemi di salute e intervenire in modo non invasivo. Questo approccio non solo migliora i risultati clinici, ma riduce anche i costi operativi e la pressione sui grandi ospedali centrali.

Innovazione e Progetti in Italia

In Italia, vari progetti stanno già lavorando per costruire l’ospedale del futuro. Il Politecnico di Milano, attraverso il progetto Next Generation Hospital, sta sviluppando strategie evolutive per la progettazione e gestione delle infrastrutture sanitarie. Questo include la Joint Research Partnership Healthcare Infrastructures (JRP HI), una piattaforma multi-stakeholder che promuove l’innovazione in ambito sanitario.

A Genova, il GREAT Campus ospita un progetto d’eccellenza che integra ricerca clinica e tecnologica, creando un ambiente collaborativo tra ricercatori e medici. Questo modello mira a ridurre i tempi di sviluppo delle nuove terapie e a migliorare l’efficienza complessiva del sistema sanitario.

L’ospedale del futuro non sia solo una questione di spazio fisico, ma anche di creare nuove esperienze per i pazienti. L’azienda sta lavorando su progetti che vanno dalla medicina di precisione alla formazione di nuove figure professionali, essenziali per gestire tecnologie come l’intelligenza artificiale e la diagnostica predittiva.

In conclusione quindi l’ospedale del futuro non è un sogno lontano, ma una realtà che stiamo iniziando a costruire oggi. La collaborazione tra istituzioni, aziende e comunità è fondamentale per creare un sistema sanitario efficiente, resiliente e in grado di rispondere alle esigenze di una popolazione in evoluzione. Le sfide sono molte, ma con un approccio integrato e innovativo, l’ospedale del futuro può diventare il fulcro di una sanità più equa e accessibile.