Condividi questa storia!

Scarica l’app MyMagazine!

La Decadenza Digitale: Come i Contenuti Online Svaniscono

Negli ultimi decenni, il web è diventato un archivio immenso di informazioni e risorse. Tuttavia, questo patrimonio digitale è più fragile di quanto si pensi. Un nuovo studio del Pew Research Center rivela che una percentuale significativa di contenuti online è scomparsa o è diventata inaccessibile, una tendenza conosciuta come “decadenza digitale“.

Il Fenomeno della “Link Rot”

Secondo l’analisi del Pew Research Center, circa il 38% delle pagine web che esistevano nel 2013 non sono più accessibili nel 2023. Questo fenomeno, denominato “link rot”, riguarda soprattutto contenuti datati. Per esempio, il 38% delle pagine del 2013 non è più disponibile, contro solo l’8% delle pagine del 2023 .

La “link rot” si verifica quando i collegamenti ipertestuali cessano di puntare ai contenuti originariamente collegati, spesso a causa della rimozione o del trasferimento delle pagine web.

Impatto sui Siti Governativi e di Notizie

La decadenza digitale colpisce vari tipi di siti, inclusi quelli governativi e di notizie. Circa il 21% delle pagine governative contiene almeno un link rotto, e i siti governativi locali sono particolarmente vulnerabili. Anche le pagine di notizie non sono immuni: il 23% delle pagine di notizie contiene almeno un link rotto, indipendentemente dal traffico del sito. Questo fenomeno non solo limita l’accesso alle informazioni ma compromette anche la fiducia degli utenti nella longevità delle risorse digitali.

Le Conseguenze su Wikipedia e Twitter

La ricerca ha esteso l’analisi anche ai link nelle sezioni “Riferimenti” di Wikipedia, scoprendo che il 54% delle pagine contiene almeno un link rotto. Inoltre, un’analisi dei tweet ha rivelato che quasi il 20% dei tweet scompare entro pochi mesi dalla pubblicazione, spesso perché l’account diventa privato, viene sospeso o cancellato. Questo fenomeno è particolarmente pronunciato per i tweet scritti in lingue come il turco o l’arabo e per quelli provenienti da account con impostazioni di profilo predefinite.

Considerazioni della Redazione

L’Avvento del Web 2.0 e il Declino del Web Tradizionale

Il Web 2.0 ha rivoluzionato il modo in cui gli utenti interagiscono con il web, spostando l’attenzione dalle pagine statiche del Web 1.0 a piattaforme dinamiche e interattive come i social media. Questo cambiamento ha portato a una maggiore partecipazione degli utenti, che non sono più solo consumatori passivi di contenuti, ma anche produttori attivi. Piattaforme come Facebook, Twitter, e YouTube hanno permesso agli utenti di condividere, commentare e creare contenuti, rendendo il web un luogo più democratico e partecipativo.

L’Impatto degli Agenti Intelligenti

Con l’avvento degli agenti intelligenti e dei Companions, il web sta subendo un’ulteriore trasformazione. Questi strumenti, alimentati dall’intelligenza artificiale, possono personalizzare l’esperienza utente, rispondere a domande e suggerire contenuti basati sulle preferenze individuali. Tuttavia, c’è il rischio che questi agenti limitino la visione del mondo degli utenti, presentando solo informazioni che confermano le loro preesistenti credenze e preferenze, riducendo così l’esposizione a punti di vista diversi.

La decadenza digitale rappresenta una sfida significativa per la conservazione della conoscenza online. Mentre i dati attuali mostrano l’entità del problema, è essenziale sviluppare strategie per preservare l’accessibilità e l’integrità dei contenuti web. Il fenomeno della link rot non solo limita l’accesso alle informazioni ma compromette anche la fiducia degli utenti nella longevità delle risorse digitali. Inoltre, l’evoluzione del web verso il Web 2.0 e l’uso crescente di agenti intelligenti solleva nuove questioni sulla diversità delle informazioni e sull’accesso equo alle risorse digitali.

Cosa sono i Companions

I Companions, o compagni artificiali intelligenti (AI), sono applicazioni o software che utilizzano l’intelligenza artificiale per simulare un’interazione umana e fornire compagnia virtuale agli utenti.Questi sistemi AI sono progettati per impegnarsi in conversazioni naturali, ricordare dettagli delle interazioni passate e sviluppare una sorta di personalità o identità unica. Possono essere addestrati su vasti set di dati per acquisire conoscenze su vari argomenti e migliorare le loro capacità conversazionali nel tempo.

Saranno molto utili ma potrebbero sostituirci nel nostro rapporto con il mondo, con la realtà